Tettoie: Permesso si, Permesso no!

Circolano notizie contrastanti sulla necessità di autorizzazione per la tettoia, facciamo chiarezza

tettoia

Tettoia, Palasport Fucecchio – Ph. C. Pagliai


Carlo Pagliai  Ingegnere e urbanista
Urban Planning, building and real estate consultant
Blogger, YouTuber and digital communicator

logo twitter     Linkedin    Facebook    youtube


Le definizioni edilizie sono state uniformate dal recente Regolamento Edilizio Tipo

Il manufatto “tettoia” essendo diffuso per il suo carattere generalmente modesto e di utilità negli edifici, può essere oggetto anche di contestazioni sul piano autorizzativo in edilizia.

Per prima cosa occorre individuare le corrette definizioni in edilizia, estrapolandole dal Regolamento edilizio tipo (Allegato A) emanato lo scorso novembre 2016 e che prossimamente entrerà in vigore (recepimenti regionali permettendo), come nelle seguenti e rispettive rubriche:

41 – Tettoia: Elemento edilizio di copertura di uno spazio aperto sostenuto da una struttura discontinua, adibita ad usi accessori oppure alla fruizione protetta di spazi pertinenziali;

39 – Portico/Porticato: Elemento edilizio coperto al piano terreno degli edifici, intervallato da colonne o pilastri aperto su uno o più lati verso i fronti esterni dell’edificio.

37 – Loggia/Loggiato: Elemento edilizio praticabile coperto, non aggettante, aperto su almeno un fronte, munito di ringhiera o parapetto, direttamente accessibile da uno o più vani interni.

Analizzandole con una visione olistica d’insieme si riescono a notare molte assonanze e alcune differenze, le quali possiamo riassumerle così:

  • Tettoia: aperta su tutti i lati; sostenuta da struttura discontinua (pilastri, no murature, quindi libera su quattro lati); non si menziona l’esistenza di edifici, quindi può essere autonomo; 
  • Portico/porticato: situato al piano terra, aperto con almeno un lato (quindi almeno un lato chiuso); è situato in un edificio:
  • Loggia/loggiato: simile al portico ma situato ai piani superiori a terra; anch’esso aperto almeno su un lato (quindi almeno un lato chiuso); è situato in un edificio:

Praticamente in estrema sintesi si può affermare che:

  • la tettoia è un volume autonomo libero su quattro lati e sostenuto da elementi discontinui;
  • il portico/ato e la loggia/ato sono situati in edifici (quindi non autonomi), divergono per ubicazione di piano e loro accessibilità;

Siccome non è possibile normare tutto, il vuoto o l’incertezza normativa viene colmata dalla giurisprudenza.

Affrontiamo quindi l’analisi della questione della tettoia facendo riferimento alla sentenza del Consiglio di Stato sez. VI n. 694/2017.
Innanzitutto, la sentenza ha correttamente rilevato che per la realizzazione della tettoia è necessario il rilascio del permesso di costruire.

Tale principio si desume dal combinato disposto che emerge col DPR 380/01:

  • permesso di costruire: occorre per «la costruzione di manufatti edilizi fuori terra o interrati, ovvero l’ampliamento di quelli esistenti all’esterno della sagoma esistente, fermo restando, per gli interventi pertinenziali, quanto previsto alla lettera e.6) » art. 3, comma 1, lett. e.1);
  • attività edilizia libera: vi rientrano «gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio» art. 6, comma 1, lettera b);

E’ decisivo considerare che la realizzazione di una tettoia comporta l’alterazione della sagoma dell’edificio:

– dal citato art. 3, comma 1, lett. e1), si evince dunque che occorre il rilascio del permesso di costruire, quando si tratti di un «manufatto edilizio» che – anche se tettoiamodifica la sagoma (Cons. di Stato IV, 28 giugno 2016, n. 2864; 9 marzo 2016, n. 945; Sez. VI, 4 gennaio 2016, n. 19; Sez. VI, 5 gennaio 2015, n. 13); è ovvio che 

– dal citato art. 6, comma 1, lettera b), si desume che anche gli interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche, che di per sé possono essere liberamente effettuate, richiedono il titolo edilizio, quando modifichino la sagoma.

La ratio di tali disposizioni è chiara: il testo unico da un lato intende attribuire agli organi comunali il potere di verificare se la realizzazione della tettoia sia consentita dalla normativa locale e dall’altro intende evitare che, mediante la realizzazione della tettoia, si verifichi non solo l’alterazione della sagoma dell’edificio, ma anche una situazione che può evolvere – mediante chiusure – nella realizzazione di ulteriori volumetrie.

tettoia

tettoia sostenuta da pilastrata libera su quattro lati

Non rileva la ‘modestia’ dimensionale di una tettoia: rileva piuttosto che essa incida sulla sagoma dell’edificio.

Torniamo ad aprire una parentesi sul nuovo Regolamento Edilizio tipo, riprendendo alcune definizioni e apportando ragionamento:

  • 18 – Sagoma: Conformazione planivolumetrica della costruzione fuori terra nel suo perimetro considerato in senso verticale ed orizzontale, ovvero il contorno che viene ad assumere l’edificio, ivi comprese le strutture perimetrali, nonché gli aggetti e gli sporti superiori a 1,50 m;
  • 13 – Superficie lorda SL: Somma delle superfici di tutti i piani comprese nel profilo perimetrale esterno dell’edificio escluse le superfici accessorie; 
  • 15 – Superficie accessoria SA: Superficie di pavimento degli spazi di un edificio aventi carattere di servizio rispetto alla destinazione d’uso della costruzione medesima, misurata al netto di murature, pilastri, tramezzi, sguinci, vani di porte e finestre. La superficie accessoria può ricomprendere, per esempio:
    • i portici e le gallerie pedonali;
    • i ballatoi, le logge, i balconi e le terrazze;
    le tettoie con profondità superiore a m 1,50;
    le tettoie aventi profondità inferiore a m. 1,50 sono escluse dal computo sia della superficie accessoria sia della superficie utile;
    omissis…;
  • 12 – Superficie totale ST: Somma delle superfici di tutti i piani fuori terra, seminterrati ed interrati comprese nel profilo perimetrale esterno dell’edificio
  • 19 – Volume totale o volumetria complessiva: Volume della costruzione costituito dalla somma della superficie totale ST di ciascun piano per la relativa altezza lorda;
  • 32 – Edificio: Costruzione stabile, dotata di copertura e comunque appoggiata o infissa al suolo, isolata da strade o da aree libere, oppure separata da altre costruzioni mediante strutture verticali che si elevano senza soluzione di continuità dalle fondamenta al tetto, funzionalmente indipendente, accessibile alle persone e destinata alla soddisfazione di esigenze perduranti nel tempo.

Tettoia con profondità maggiore a 1,50 ml: rientra nella superficie accessoria; quindi rientra nella Sup. Lorda; quindi è ricompresa nella volumetria totale della costruzione;

Tettoia con profondità inferiore a 1,50 ml: esclusa dalla sup. accessoria; quindi esclusa da Sup. Lorda; quindi esclusa da volumetria costruita? Ritengo di si.

La qualifica di pertinenza della tettoia non incide sul profilo urbanistico

Più volte la giurisprudenza amministrativa ha ribadito che occorre il titolo edilizio di permesso per la realizzazione di nuovi manufatti, anche quando possano qualificarsi come pertinenze sotto il profilo civilistico (ne ho parlato in questo articolo), concetto ripreso anche nella sentenza citata (cfr. Cons. di Stato VI n. 694/2017).

Infatti la qualifica di pertinenza urbanistica è applicabile soltanto ad opere di modesta entità e accessorie rispetto ad un’opera principale, quali ad esempio i piccoli manufatti per il contenimento di impianti tecnologici et similia (es. volumi tecnici).

Ciò non vale anche per le opere che dal punto di vista delle dimensioni e della funzione si connotino per una propria autonomia rispetto all’opera cosiddetta principale e non siano coessenziali alla stessa, tale cioè che non ne risulti possibile alcuna diversa utilizzazione economica (cfr. Cons. St., Sez. VI, 4 gennaio 2016, n. 19; Sez. VI, 24 luglio 2014, n. 3952; Sez. V, 12 febbraio 2013, n. 817; Sez. IV, 2 febbraio 2012, n. 615).

Nota aggiuntiva: Luca R. aggiunge che l’art. 3 comma 1 lett E.6) del TUE specifica ulteriormente che «gli interventi pertinenziali che le norme tecniche degli strumenti urbanistici, in relazione alla zonizzazione e al pregio ambientale e paesaggistico delle aree, qualifichino come interventi di nuova costruzione, ovvero che comportino la realizzazione di un volume superiore al 20% del volume dell’edificio principale; ». In quanto caso l’ultima parola sul limite quantitativo spetta ai Comuni.

Le Regioni possono legiferare ulteriormente quali trasformazioni edilizie siano soggetto a PdC o SCIA.

Nell’attuale ordinamento statale, infatti, vige il principio generale per il quale il permesso di costruire (o del titolo avente efficacia equivalente) è necessario quando si tratti di un «manufatto edilizio» (cfr. Sez. VI, 24 luglio 2014, n. 3952).

Salvo diversa normativa regionale o comunale, ai fini edilizi manca la natura pertinenziale quando sia realizzato un nuovo volume, su un’area diversa ed ulteriore rispetto a quella già occupata dal precedente edificio, ovvero sia realizzata una qualsiasi opera che ne alteri la sagoma, proprio come una tettoia.

Inoltre l’articolo 10 comma 2 del DPR 380/01 stabilisce che le regioni legiferano quali mutamenti, connessi o non connessi a trasformazioni fisiche, dell’uso di immobili o di loro parti, sono subordinati a permesso di costruire o a SCIA.

Viceversa, il Testo Unico attribuisce rilevanza urbanistica ed edilizia alle pertinenze, ammettendo all’art. 3, comma 1, lett. e.6) che specifiche regole siano contenute nelle «norme tecniche degli strumenti urbanistici».

Un elemento sostanziale e discriminante le tettoie è la profondità

Secondo il Regolamento Edilizio Tipo le tettoie:

Ergo se la tettoia, realizzata come manufatto autonomo e quindi soggetto a Permesso di costruire, ha profondità inferiore a 1,50 ml la questione si sposta sulla verifica e rispetto dei parametri/indici delle superfici accessorie, superfici utili e/o lorde.

Tettoie a sbalzo sono parificate alle tettoie autonome?

La tettoia in aggetto è quella realizzata in sporgenza, autoportante e incastrata nella parete, spesso a protezione di porte; essa non è equiparabile a volume o manufatto edilizio autonomo mancando requisiti di sostegno da strutture discontinue e autonoma funzionalità. Per questo sfuggono dal regime del permesso di costruire (ci mancherebbe pure questo!).

Resta quindi da inquadrare se la tettoia a sbalzo sia qualificabile come superficie abitabile o accessoria.

tettoia

tettoia a sbalzo

Le tettoie a sbalzo quindi non sono inquadrabili come manufatti fuori terra, sfuggono quindi dall’ambito del permesso di costruire; se aventi profondità/aggetto superiore ad 1,50 ml si qualificano come superfici accessorie, mentre se inferiori a 1,50 sono escluse da qualsivoglia superficie qualificata.

Salvo diversa definizione prevista da norme regionali, le nuove tettoie a sbalzo devono essere realizzate:

  • ante Decreto ‘Scia 2’: previa presentazione di SCIA in quanto comunque comportanti modifiche di prospetto e in quanto rientranti per via residuale in essa;
  • post Decreto ‘Scia 2’ (da entrare in vigore): presentazione in CILA in quanto non inquadrabile nelle tre categorie di intervento ammesse in SCIA e quindi in via residuale in CILA.

E per chiudere, il tutto fatto salvo procedimenti di natura settoriali come paesaggistica, beni culturali, strutturale antisismica e quant’altro. Regioni e Comuni permettendo, ovviamente.

 

This Post Has 16 Comments
  1. Salve, scrivo dalla Sicilia, desidererei un chiarimento: un portico aperto su tre lati, imbullonato al pavimento e alla parete della superficie di ca.mq 25, va inserito nel calcolo della cubatura?
    Grazie

  2. Salve vorrei sapere se una tettoia aperta su 4 lati di 25 m di volume puo essere alta 3,20m

  3. Posso realizzare una tettoia a sbalzo avente dimensioni mt,1,30 per 3,30 in legno lamellare a protezione del portone d’ingresso e finestra della mia abitazione autonoma?

  4. Una tettoia non ancorata al suolo bensì al muro e che proteggere una superficie inferiore a 12 mq. non comporta impatto volumetrico e aumento del carico urbanistico e non è qualificabile come nuova costruzione (TAR Piemonte, sez. II, sent. 8 febbraio 2017 n. 198)

  5. No comment anch’io: dipende dalle dimensioni, conosco gente che farebbe una tettoia di venti metri quadrati e allora si sfora nel volume soggetto a permesso.

  6. Salve, io ho un muro in cemento armato che mi fà da recinzione, vorrei realizzare una tettoia da ancorare a questo muro per poter mettere un barbecue e un lavabo, necessità di un permesso a costruire oppure di una semplice comunicazione all’UTC ?
    Grazie

  7. DPR 380/01 stabilisce che le regioni legiferano quali mutamenti, connessi o non connessi a trasformazioni fisiche, dell’uso di immobili o di loro parti, sono subordinati a permesso di costruire o a SCIA.

  8. Buongiorno,
    Vorrei realizzare nella mia proprietà una tettoia fuori terra aperta su quattro lati di circa 13 mq
    La struttura non avrà un contatto permanente con il terreno ma sarà avvitata tramite una piastra in ferro rimovibile.
    Vorrei sapere P.f se la stessa necessità di un permesso a costruire oppure di una semplice comunicazione all’UTC .
    Grazie anticipatamente.
    Giovanni

  9. Non conoscendo il caso specifico e regolamenti comunali, ma agli interventi di ogni tipo nei centri storici le norme hanno un occhio di riguardo.

  10. Salve , volevo delle informazioni in merito alla costruzione di una struttura precaria . Mi spiego meglio , ho un abitazione nel centro storico di un paesino della provincia di Catania , sopra questa abitazione vorrei costruire una struttura precaria . Il mio geometra mi ha detto che essendo centro storico le domande le dobbiamo presentare alla sovraintendenza dei beni culturali di Catania e nn si sa se accettano la struttura precaria. Premetto che la mia abitazione e situata alla “periferia” del centro storico , e che fino a un anno fa nn era centro storico . Vorrei sapere in linea di massima se la cosa è fattibile e i tempi …. grazie mille
    Per struttura precaria intendo tetto con termocopertura, pareti con termopareti e struttura in ferro. Mi hanno detto che dovrei pagare € 25 al metro quadrato se voglio farla per un massimo di 50 mq.

  11. Salve ho da poco acquistato un terreno con una tettoia accatastata come C7 chiusa su tre lati in muratura senza finestre, i muri sono di circa 40 centimetri di spessore. La mia domanda è questa, posso chiudere con un portone in legno il quarto lato? Se si posso farlo fino al soffitto o devo lasciare una parte aperta? Non mi serve fare una costruzione sicura in quanto ci sono due cancelli che chiudono la proprietà per questo, voglio solo chiudere per una questione di privacy siccome il lato aperto da sulla strada non voglio che si veda ciò che ce dentro grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *