Sanatoria Edilizia, Quali Tempistiche Di Presentazione Istanza?

Sanatoria edilizia, quali tempistiche di presentazione istanza?

Carlo Pagliai
Ingegnere urbanista
Autore di “Ante ’67

Non è possibile richiederla se sono irrogate le sanzioni amministrative avverso l’abuso edilizio.

Non stiamo parlando di condono edilizio, ma di sanatoria “ordinaria”, cioè quella prevista con la procedura di accertamento di (doppia) conformità. Essa fu istituita con l’art. 13 della L. 47/85, per essere poi traslata (con modifiche) nell’attuale art. 36 del Testo Unico per l’edilizia D.P.R. 380/01.

E siccome spesso nasce il dubbio circa il tempo massimo entro il quale presentare l’istanza di sanatoria, ho preferito fare un piccolo riassunto della procedura con alcuni consigli.

Attenzione: è importante sottolineare che è sufficiente la presentazione dell’istanza, e non l’ottenimento definitivo.

Più volte si è detto nel blog che l’istanza di per sé sospende l’efficacia dell’ingiunzione a demolire, ma non annulla i suoi effetti. Una volta completata la procedura di sanatoria (con diniego o rilascio del Permesso di Costruire in sanatoria, riprende vigore la normale procedura repressiva avviata dalla P.A.

Detto questo, trovo calzante un particolare passaggio estratto da una sentenza del Consiglio di Stato circa la sanatoria edilizia “ordinaria”:

PROSEGUI Lettura in AREA RISERVATA

accedi o iscriviti gratis

Un anno di accesso gratuito ai contenuti speciali