L’ordine di demolizione emesso con sentenza di condanna non si archivia in automatico con sanatoria edilizia.

Dal momento che viene accertato l’abuso edilizio si avviano le diverse procedure sanzionatorie e repressive, cioè sul versante amministrativo e penale. Chiaramente possono sovrapporsi anche quelle relative alle norme di settore quali antisismica, impianti, risparmio energetico, paesaggistica e beni culturali, eccetera.

In ambito penale il giudice impartisce la sentenza di condanna del reato edilizio, e con esso dispone l”ordine di demolizione: esso costituisce una sanzione amministrativa con autonoma funzione ripristinatoria del bene giuridico leso (l’ordinato assetto del territorio).

L’ordine di demolizione ha carattere reale, e produce effetti che ricadono sul soggetto che è in rapporto col bene immobile, a prescindere dal fatto che costui sia l’effettivo autore dell’abuso (Cass. Pen. n. 51459/2019).

PROSEGUI Lettura in AREA RISERVATA

accedi o iscriviti gratis

per beneficiare di contenuti speciali