Sanatorie strutturali: nuove procedure secondo l’Art. 182 della L.R. 65/2014

In un precedente articolo si è esposto una riflessione a caldo sulle nuove norme relative alle sanatorie strutturali introdotte dalla nuova legge urbanistica toscana LR 65/2014, in particolare come statuito dall’art. 182Leggi prec. articolo →

cerchiatura


   1937486_10202895611647662_8015788274177237119_n di    CARLO PAGLIAI
    segui su Facebook   Linkedin

    Richiedi una consulenza su questo argomento →


In estrema sintesi la procedura introdotta dispone, in caso di abusi edilizi di tipo strutturale, la possibilità di sanatoria rispettando il requisito della sola conformità alle NTC vigenti al momento della richiesta di sanatoria stessa.

in passato nella pregressa L.R. 1/2005 per le sanatorie strutturali l’Art. 118 richiedeva la condizione di sola conformità alle NTC vigenti al momento dell’abuso stesso, articolo poi dichiarato incostituzionale e “riparato” con successiva aggiunta dell’Art. 118/bis avvenuta nel 2012.

La nuova impostazione introdotta con la LR 65/2014 (art. 182) si pone in contrasto interpretativo con l’omologo articolo previsto dal Testo Unico dell’edilizia il quale prevede l’unico principio di doppia conformità a prescindere dagli ambiti strutturali e urbanistici.

Questo orientamento è stato adottato anche dall’Ufficio del Genio Civile di Firenze, che attraverso un comunicato sul loro sito ha ritenuto opportuno applicare il criterio della doppia conformità per le sanatorie strutturali, eccettuato per gli abusi effettuati prima della classificazione sismica.
E’ opinione dello scrivente ritenere condivisibile tale scelta adottata in favore della sicurezza e ritenuta di maggior rilevanza in quanto proveniente da fonte normativa superiore (anche per la pubblica incolumità).

si riporta il testo pubblicato sul sito del Genio Civile di Firenze in data 11 febbraio 2015:

SANATORIE – NUOVO PROCEDURE – Art. 182 – L.R. 65/2014

Gli interventi da sanare devono essere conformi sia alla norma tecnica vigente al momento dell’abuso che a quella vigente al momento di presentazione dell’istanza, fatte salve le opere realizzate prima della classificazione sismica (comma 5).

Quindi si possono verificare i seguenti casi:

  • OPERE CONFORMI: sia alle vecchie norme che a quelle attuali. Si applica il comma 1 e si rilascia il deposito oppure l’autorizzazione. Va in ogni caso richiesta la doppia verifica (se necessario) e la certificazione che dichiari il rispetto della doppia conformità (se necessario);
  • OPERE NON CONFORMI alle vecchie e/o alle nuove norme o a nessuna delle due. Si possono accettare in deposito o in autorizzazione progetti di adeguamento purchè accompagnati da ordinanza del Comune (o altro atto equivalente). Dopo il rilascio seguono l’iter dei normali progetti (varianti, RF e collaudo);

Per le sanatorie a deposito (bassa sismicità) il tempo utile è di 15 giorni (art. 5 reg. 36/R/2009), per quelle in autorizzazione è di 60 giorni (art. 94 DPR 380/01).
La comunicazione alla Procura della Repubblica è fatta secondo le consuetudini e può essere fatta prima o immediatamente dopo il rilascio dell’attestazione di deposito o dell’autorizzazione.

Il collaudo, redatto da tecnico diverso dal tecnico istruttore o progettista, è necessario nei casi di nuova costruzione, miglioramento e a adeguamento sismico ad eccezioni di costruzioni semplici e non rilevanti. Negli altri casi la certificazione è redatta dal tecnico rilevatore e/o DL.

This Post Has One Comment
  1. Intanto complimeti per questa iniziativa,
    poi ti scrivo perchè leggendo quanto sopra mi viene in mente una sanatoria, in cui tra l’altro, emergeva una modifica strutturale, precisamente un pilastro su di un angolo, in cui nel progetto originario c’era un infisso d’angolo e non un pilastro.
    Un pilastro in piu risalente all’epoca di costruzione 1979 prima della sismica, in questo caso non è richiesta la doppia conformita ma nemmeno quella all’epoca di costruzione?
    cordiali saluti
    alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *