Carlo Pagliai
Ingegnere urbanista
Autore di “Ante ’67

L’ingiunzione alla demolizione è basata sull’oggetto realizzato abusivamente su un’area e prescinde dal regime reale di proprietà

Ipotizziamo un’area dove è stata compiuta un illecito edilizio, anche di una certa gravità e quindi classificabile come abuso.

Ammettiamo pure che l’attuale proprietario sia davvero inconsapevole o in buona fede per la loro realizzazione. Pensiamo ad esempio a qualcuno che riceve in eredità o riprende possesso dopo moltissimi anni un immobile (e non si pone il problema).

Di fronte all’accertamento dell’illecito edilizio, il proprietario può opporsi all’ordine di demolizione motivando il mancato accertamento delle effettive responsabilità personali?

Provo a formulare diversamente la domanda.

L’ordinanza di demolizione è emessa nei confronti di alcuni soggetti, in particolare secondo l‘art. 31 del Testo Unico per l’edilizia è diretta contro il proprietario o responsabile dell’abuso.

E’ una doppia previsione alternativa che intende colpire chiunque sia direttamente coinvolto nella realizzazione dell’oggetto illecito, tuttavia…

PROSEGUI Lettura in AREA RISERVATA

accedi o iscriviti gratis

per beneficiare di contenuti speciali