Come scegliere le pratiche edilizie col Decreto ‘Scia 2’

Il nuovo decreto SCIA 2 ha rivoluzionato procedure e categorie di intervento, e ha allegato una prima tabella applicativa per aiutare la selezione

Scia 2

Edilizia in corso d’opera – ph Carlo Pagliai


Carlo Pagliai

di Carlo Pagliai                     segui su:   logo twitter     Linkedin    Facebook


Il legislatore ha inserito un valido abaco tabellare con cui selezionare 

Pochi giorni fa è stato pubblicato il tanto atteso Decreto ‘Scia 2’ n. 222/2016 che ha ristrutturato il vigente Testo Unico per l’edilizia DPR 380/01, e ha ridefinito le categorie di intervento e le relative procedure (versione aggiornata del DPR 380/01 in questo articolo).

Sono molte le modifiche, si spazia dall’eliminazione della DIA alternativa al PdC, al passaggio della residualità della SCIA a favore della CILA, e tante altre novità che ho sintetizzato in questo approfondimento pubblicato ieri.

Nel nuovo video corso sullo Scia 2 ti spiego tutte le nuove definizioni e categorie di intervento

Piuttosto preme sottolineare che il legislatore ha intelligentemente accompagnato il provvedimento con una tabella sinottica con cui poter selezionare precisamente, in base alle casistiche di intervento, le precise procedure amministrative. Questo dovrebbe comportare una riduzione del contenzioso relativo ai casi di incertezza di regime amministrativo da applicarsi.

Qui sotto puoi leggere come selezionare tutte le pratiche e scaricare la tabella gratuitamente.

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi iscriviti in newsletter?