Le autorizzazioni paesaggistiche postume non possono essere rilasciate, mentre la compatibilità paesaggistica è consentita per poche fattispecie.

La normativa applicabile all’istanza del rilascio dell’autorizzazione paesaggistica, in sanatoria o meno, non può che essere quella del momento in cui l’autorizzazione deve essere rilasciata e non quella vigente al momento della domanda.

Attualmente il Codice dei Beni culturali D. Lgs. 42/2004 non ammette l’autorizzazione paesaggistica postuma per interventi edilizi abusivi effettuati in assenza o in difformità paesaggistica; per assurdo può presentarsi l’ipotesi in cui un abuso edilizio soddisfi il criterio della doppia conformità urbanistica ma non sia sanabile paesaggisticamente.

PROSEGUI Lettura in AREA RISERVATA

accedi o iscriviti gratis

per beneficiare di contenuti speciali