Controllate le planimetrie catastali e la loro conformità

Dovete farlo fin dalla prima visita dell’immobile: eventuali discordanze potrebbero significare difformità e abusi edilizi

verifica la planimetria catastale

Carlo Pagliai  Ingegnere e urbanista
Urban Planning, building and real estate consultant
Blogger, YouTuber and digital communicator

logo twitter   Linkedin   Facebook    youtube


Troppo spesso le planimetrie catastali non tornano affatto con l’effettivo stato dei luoghi dell’immobile. E questo dovrebbe farti scattare un campanello d’allarme.

Che ci sia o meno un’agenzia immobiliare di mezzo, nelle trattative e incontri avviati per fare la compravendita immobiliare raramente viene esibita una planimetria catastale.

Al massimo appare dopo i primi accordi e intese tra venditore e potenziale interessato all’acquisto.

Intanto di quale planimetria stiamo parlando?

Non parlo del classico “disegnino” raffigurante una sorta di schema della casa, e tanto meno di un rilievo architettonico prodotto per chissà quale motivo.

Deve essere esibita la planimetria estratta dal Catasto (o meglio, Agenzia delle Entrate) mediante apposita visura planimetrica.

Tradotto: nella planimetria dell’immobile devono apparire in alto gli estremi di protocollo della richiesta ufficiale, emessi dalla stessa Agenzia delle Entrate.

# PODCAST AUDIO: La Conformità Catastale

Più sono datate le planimetrie catastali, maggiore è la probabilità di incongruenze.

La rappresentazione grafica di una planimetria allegata all’accampionamento o aggiornamento catastale è di natura schematica.

Fin dall’istituzione del Nuovo Catasto Edilizio Urbano (1939) ogni planimetria depositata è stata prodotta in scala di rappresentazione diversa (1:200) rispetto a quella del tradizionale rilievo architettonico (1:100) per le pratiche edilizie.

Anche il grado di precisione e rappresentazione dei dettagli, per disciplina normativa catastale, è tuttora assai minore rispetto a quello richiesto nelle pratiche edilizie.

Le planimetrie catastali sono destinate ai fini estimativi per imposizione fiscale, non hanno valore urbanistico edilizio.

Dal 2010 è necessario (più che mai) che la planimetria catastale risulti davvero conforme allo stato dei luoghi dell’immobile.

# APPROFONDIMENTO: LA NULLITA’ CATASTALE

Infatti ha introdotto l’obbligo di dichiarare negli atti pubblici o scritture private autenticate la conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie.

In caso contrario scatta la nullità dell’atto stesso. E la nullità non si prescrive mai.

Ecco perchè quando visiti un’immobile devi consultare fin da subito la planimetria catastale identica a quella depositata al Catasto. E quindi il venditore deve esibirti quella estratta tramite visura planimetrica, perchè è l’unica versione ufficiale.

# Video gratuito: la conformità catastale

E se ci fossero discordanze? Va aggiornata, sempre che sia possibile farlo.

Ti voglio chiarire un concetto: al Catasto potresti anche registrare una fetta di prosciutto crudo, ma quello che prevale è la conformità urbanistica.

Sto parlando della rispondenza effettiva dell’immobile a tutti gli atti autorizzativi e pratiche edilizie depositate negli uffici pubblici come Comune, Genio Civile, Soprintendenze, eccetera.

Questi titoli abilitativi comandano e hanno supremazia sul Catasto.

Lo ripeto a costo di essere noioso:

  • il Catasto è lì per scopi puramente fiscali.
  • il Catasto non autorizza o legittima nessun intervento edilizio.

Per questo posso aiutarti a fare la trattativa e l’acquisto intelligente e sicuro, senza sorprese e rischi per il tuo investimento, tramite una rete di professionisti tecnici qualificati presenti sul territorio.

Se vuoi contattarmi, questo è il modulo da cui scrivere:

Modulo di contatto