Collegare correttamente il pozzetto degrassatore

Spesso si riscontrano errati trattamenti per gli scarichi di acque saponose (quelle senza pupù).

Proviamo a schematizzare la corretta esecuzione.
A prescindere dalle specifiche norme regionali in materia di smaltimento acque reflue, la buona tecnica e le vigenti norme nazionali (D. Lgs. 152/06) esigono che le acque saponose debbano essere trattate da un pozzetto degrassatore opportunamente dimensionato e di seguito incanalate nella seconda camera di una fossa bi o tricamerale (tradizionale o Imhoff).


Carlo Pagliai  Ingegnere e urbanista
Urban Planning, building and real estate consultant
Blogger, YouTuber and digital communicator

logo twitter   Linkedin   Facebook    youtube


Il motivo
Il pozzetto degrassatore, lo dice appunto io nome, ha mera funzione di abbattere i grassi dei saponi, ma non è deputato ad abbattere anche il carico organico normalmente contenuto negli scarichi di lavandini, cucine, acquai, lavastoviglie, bidet e docce: pensiamo alle briciole o scarti organici delle cucine stesse.
Questi scarti organici saranno invece abbattuti, dopo aver attraversato il degrassatore, nella seconda camera della fossa bi o tricamerale, che svolge invece specifica funzione di trattamento e riduzione del carico organico proveniente dalle acque “grigie”.
A valle della tricamerale poi deve esservi un trattamento o sistema di smaltimento finale specifico.

Quando invece si trova un pozzetto degrassatore non collegato alla seconda camera della fossa, si è di fronte ad un errato sistema di smaltimento, anche se realizzato ai tempi della nonna Adelmina; occorre quindi adeguarlo prontamente, onde evitare sanzioni e possibili richieste risarcitorie per danni derivanti da essa.

schema smaltimento liquami