Balconi Computabili Nella Distanza Tra Fabbricati

Balconi computabili nella distanza tra fabbricati

Carlo Pagliai
Ingegnere urbanista
Autore di “Ante ’67

Sporti e aggetti trascurabili sono esclusi dal calcolo, i balconi invece incidono su vedute e manufatti

L’annosa questione delle distanze minime disposta dal D.M. 1444/68 si affaccia anche sui balconi, è il caso di dirlo.

Pensiamo al caso in cui si voglia costruire o ampliare un manufatto di fronte ad un edificio esistente. Pensiamo pure che il nuovo corpo di fabbrica sia dotato di balconi, cioè i manufatti realizzati a sbalzo da cui è possibile affacciarsi ed esercitare il diritto di veduta.

Ad esempio, la distanza minima dei 10 metri dell’art. 9 D.M. 1444/68 da dove va presa: perimetro dei nuovi manufatti oppure dal filo esterno del balcone?

Il distacco tra edifici ricomprende anche i balconi, per due filoni di motivi.

Partiamo dalla definizione di balcone, estrapolata dalla rubrica n. 35 del Regolamento Edilizio Tipo:

Elemento edilizio praticabile e aperto su almeno due lati, a sviluppo orizzontale in aggetto, munito di ringhiera o parapetto e direttamente accessibile da uno o più locali interni.

Le distanze minime tra costruzioni sono stabilite ad oggi dall’art. 9 del D.M. 1444/68, e tra tutte spicca quella arcinota dei 10 metri tra costruzioni.

Tale disposizione, si è detto più volte, ha lo scopo di impedire la formazione di intercapedini dannose sotto il profilo igienico sanitario; in sostanza vi è la tutela di un interesse pubblico, che prevale su tutti quelli di natura privata. Lo scopo della norma non è tutelare la riservatezza degli abitanti frontisti, ma è una norma di pianificazione urbanistica e di assetto del territorio.

Il fatto è che la prescritta distanza minima si applica a prescindere, e prevale sulle disposizioni in contrasto (ancora) presenti nei regolamenti edilizi e strumenti urbanistici comunali.

Ci sono pochi casi di deroga a queste distanze minime, ne ho parlato in precedente articolo.

Esistono due profili che ricomprendono i balconi nel computo delle distanze

continua a leggere in Area riservata

accedi o iscriviti gratis

Un anno di accesso gratuito ai contenuti speciali

Questo articolo ha 5 commenti

  1. Dissento completamente sul tenore di queste sentenze che denotano, insieme a tante altre, quanto i giudici, non avendo una formazione tecnica, prendano a volte cantonate enormi, anche in quanto si affidano a pareri di colleghi consulenti tecnici che sono spesso più ignoranti (in materia) di loro.
    L’assimilazione a parete finestrata dei balconi è, per citare Fantozzi, “una boiata pazzesca”.
    La normativa era nata infatti per dare aria e luce sufficienti tra edifici confinanti, non ritenendo sufficienti i 6 m derivanti dal Codice Civile (3m+3m).
    Naturalmente questo avrebbe dovuto dipendere anche dall’altezza degli edifici, tant’è che in molti Regolamenti Edilizi, tra cui quello del mio Comune, è stato introdotto il più restrittivo limite della “visuale libera” per cui, oltre i 10 m di altezza degli edifici prospicienti, ci si doveva arretrare ulteriormente a 45°.
    Tutto ciò non c’entra nulla con l’introspezione e l’avanzamento verso il confine della proprietà, che sono invece propri dei diritti civilistici sanciti dal Codice Civile!
    Non solo: il DM 1444/68 parla di “pareti” che sono superfici verticali, quindi l’intenzione del legislatore di escludere cornicioni, balconi ed altri aggetti, anche calpestabili, certamente già ampiamente presenti all’epoca quali elementi architettonici di facciata, era chiara anche dal punto di vista etimologico.
    Tutte queste motivazioni portano a non condividere assolutamente le sentenze citate.
    Inoltre le sentenze non sono leggi, ma interpretazioni delle stesse valide solo entro i limiti della causa per la quale sono state emesse (per non parlare poi dei giudizi di Cassazione che non riguardano il merito, ma solo il rispetto dei principi giuridici nei precedenti gradi di giudizio).
    Continuare ad inseguirle, nel segno del cosiddetto “orientamento giurisprudenziale prevalente”, significa che la magistratura surrettiziamente si sostituisce al legislatore, portando a volte nel tempo a snaturare completamente il concetto iniziale di alcune leggi, come in questo caso.
    Per non parlare poi del fatto che il recepimento di tale orientamento dipende molto dalla sensibilità locale; nel territorio provinciale dove abito ed opero, ad esempio, solo pochi Comuni hanno ritenuto di uniformarsi a questa bislacca interpretazione della normativa sulle distanze tra gli edifici, la grande maggioranza rimanendo aderente ai 10 m dalle facciate di cui al DM 1444/68.
    Sarebbe auspicabile un riordino nazionale della materia, abolendo il DM 1444/68 per inglobarlo in una nuova e più moderna versione del DPR 380/01, come nel documento sottoposto dalla Federazione Ingegneri Marche al gruppo di lavoro istituito dal CSLLPP per la revisione del Testo Unico dell’Edilizia
    Ing. CORRADO GIOMMI

  2. Ritenendo la giurisprudenza i balconi di non lieve dimensioni computabili nella determinazione delle distanze
    Qualora le norme locali prevedono diversamente
    E obbligo la modifica di tali norme ?

  3. “il balcone aggettante, avente funzione architettonica o decorativa, come correttamente ha ritenuto l’amministrazione pubblica nel caso di specie, può essere compreso nel computo delle distanze solo nel caso in cui una norma di piano di preveda”

    è una sentenza assolutamente logica se è vero che un PRG deve definire anche il “trattamento estetico e funzionale” del territorio considerato con tutte le sue peculiarità

I commenti sono chiusi.