Oneri dovuti per nuove urbanizzazioni o utilizzo più intensivo

Il contributo di costruzione è commisurato in base al carico urbanistico e trasformazione del territorio


Carlo Pagliai  Ingegnere e urbanista
Autore del libro “Ante ’67
 Linkedin  Facebook    youtube


Il pagamento degli oneri di urbanizzazione e il contributo sul costo di costruzione è proporzionale alle tipologie di intervento e la loro quantificazione varia in base all’incidenza del cosiddetto carico urbanistico.

Il Regolamento Edilizio Tipo ha definito per la prima volta il carico urbanistico nell’anno 2016, in questa definizione:

5 – Carico urbanistico: Fabbisogno di dotazioni territoriali di un determinato immobile o insediamento in relazione alla sua entità e destinazione d’uso. Costituiscono variazione del carico urbanistico l’aumento o la riduzione di tale fabbisogno conseguenti all’attuazione di interventi urbanistico-edilizi ovvero a mutamenti di destinazione d’uso.

Per quale motivo sono dovuti gli oneri concessori?

La loro finalità è di contribuire alle spese da sostenere dalla collettività in riferimento alla realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria.

In altre parole è stato introdotto il meccanismo per cui il singolo soggetto interessato debba compartecipare alla realizzazione della cosiddetta “città pubblica”, con opere dirette o pagamento di corrispettivi di denaro.

Secondo costante giurisprudenza l’unico criterio per determinare se siano dovuti o meno gli oneri di urbanizzazione, è verificare in quale misura si aggrava il carico urbanistico mediante attività edilizia.

prosegui lettura in Area riservata

accedi o iscriviti gratis

Un anno di accesso gratuito ai contenuti speciali

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento