La procedura di accertamento di conformità ex art. 36 TUE ricomprende reati e difformità dell’ambito strutturale delle costruzioni

Pochi anni fa la Corte Costituzionale ha ribadito l’estensione applicativa dell’unica procedura di sanatoria agli abusi strutturali commessi in zone sismiche.

Premesse generali. L’articolo non è esteso a livello generale, piuttosto va circoscritto come di seguito:

  • vale per tutte le zone classificate come sismiche, a partire dalla 1 ad elevata sismicità fino alla zona 4 a sismicità irrilevante (vedi mappa classificazione sismica); 
  • non riguarda gli abusi strutturali ultimati in epoca anteriore alla classificazione sismica del comune ove sono stati eseguiti; 
  • non entra in merito sulla dichiarazione di idoneità statica

PROSEGUI Lettura in AREA RISERVATA

accedi o iscriviti gratis

per beneficiare di contenuti speciali