Toscana, recepito il Regolamento Edilizio Tipo

Pubblicato sul BURT il nuovo Regolamento 39/R in materia di unificazione dei parametri urbanistici ed edilizi


Carlo Pagliai  Ingegnere e urbanista
Urban Planning, building and real estate consultant
Blogger, YouTuber and digital communicator

logo twitter     Linkedin    Facebook    


La Regione Toscana ha promulgato il regolamento 39/R/2018 che sostituisce il previgente 64/R/2013.

Pochissime le innovazioni rispetto al regolamento 64/R del 2013, si intuisce la linea di conciliare le precedenti definizioni e parametri introdotte nel 2013 con quelle più recenti stabilite dal Regolamento Edilizio Tipo nazionale.

SCARICA GRATIS   DPGR Toscana 39R 2018

E’ mia opinione sottolineare che il più recente Regolamento Edilizio Tipo non conteneva particolari divergenze col Reg. 64/R/2013, per cui anticipai che in Toscana non ci sarebbero stati particolari difficoltà applicative.

Il Regolamento 39/R/2018 entrerà in vigore dal sessantesimo giorno dalla data di pubblicazione sul BURT. Dall’entrata in vigore, inizieranno a decorrere i termini di 180 gg indicati dallo stesso Regolamento affinché i Comuni provvedano ad adeguare i relativi strumenti urbanistici e regolamenti edilizi a tali definizioni, termine coerente con quello del seguente comma estratto dall’art. 2 del DPCM 20 ottobre 2016:

3.  Entro  il  termine  stabilito  dalla   regioni   nell’atto   di recepimento  regionale  e  comunque  non  oltre  centottanta   giorni decorrenti dal medesimo atto di  recepimento,  i  comuni  adeguano  i propri regolamenti edilizi per conformarli allo schema di regolamento edilizio tipo e relativi allegati, come eventualmente  specificati  e integrati a livello regionale. Decorso il termine  di  cui  al  primo periodo entro il quale i comuni sono  tenuti  ad  adeguare  i  propri regolamenti  edilizi,  le  definizioni  uniformi  e  le  disposizioni sovraordinate  in  materia  edilizia  trovano  diretta  applicazione, prevalendo sulle disposizioni comunali  con  esse  incompatibili.  In caso di mancato  recepimento  regionale  i  comuni  possono  comunque provvedere all’adozione dello schema di regolamento edilizio  tipo  e relativi allegati.

L’occasione è gradita per proporre la visione di questo video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *