Sicurezza antisismica capannoni industriali: video call gratuita

Ogni capannone deve avere struttura idonea a proteggere il proprio contenuto materiale e umano.


Carlo Pagliai  Ingegnere e urbanista
Urban Planning, building and real estate consultant
Blogger, YouTuber and digital communicator

logo twitter   Linkedin   Facebook    youtube


Con Giovanni Pagliardini abbiamo affrontato l’argomento della sicurezza dei capannoni industriali, e del relativo grado di sicurezza degli utenti, macchinari e materiali stoccati.

Nel condividere una marea di nozioni sul tema di nicchia, Giovanni ha dato alcuni consigli relativi alle nuove maggiori esigenze di sicurezza richieste (o prescritte) per le attività produttive, in particolare per i capannoni industriali.

Ricorderemo senz’altro gli eventi sismici avvenuti nella zona modenese del 2012, dove i telegiornali documentarono i capannoni industriali piegati come castelli di carta, compreso quanto contenuto al loro interno.

Tra le immagini che colpirono molto, la distruzione di molti caseifici e formaggi di una nota marca italiana, che diedero il via anche a forme di solidarietà di acquisto.

Giovanni è il CEO di CapannoneSicuro®, un’azienda che ha messo a punto un marchio e un sistema brevettato in grado di ridurre la vulnerabilità sismica dell’edificio e di proteggere i suoi contenuti.

Nella video call, Giovanni ha evidenziato i diversi obblighi per il datore di lavoro previsti dal Decreto Legislativo 81/2008, tra cui la valutazione del rischio sismico aziendale.

E’ emerso che tale obbligo deve essere affrontato per non incorrere in possibili responsabilità e conseguenze di legge, ma non solo: la valutazione è necessaria farla proprio per evitare il rischio di vedere bloccato per mesi, o addirittura per anni, i cicli produttivi dell’azienda, esponendola a rischio chiusura o danni di lungo periodo.

Personalmente non conoscevo bene questo ambito prima di questa video intervista, ed effettivamente il problema si pone in tutta Italia, visto l’elevato grado di rischio sismico da una parte, e l’elevato grado di vulnerabilità sismica dall’altro.

Grazie ancora a Giovanni per questa intervista e per aver condiviso il suo lavoro coi lettori.

Il video è stato ottimizzato da Giuseppe Azzaro, un cordiale ringraziamento per il suo contributo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *