Sicilia: Ritorno Alla Doppia Conformità Urbanistica

La Regione sta lavorando ad una prima modifica coerente all’impugnativa costituzionale mossa dal Governo

Carlo Pagliai
Ingegnere urbanista
Autore di “Ante ’67

Si legge la notizia che l’ARS intende modificare il recepimento dinamico del T.U.E. effettuato lo scorso agosto

La notizia integrale è pubblicata sul portale LavoriPubblici (Leggi articolo), e si evince che l’Assessorato Regionale del Territorio della Sicilia abbia approvato un disegno di legge che apporterà modifiche alla L.R. 16/2016, quella che con cui ad agosto la regione aveva recepito il Testo Unico sull’Edilizia DPR 380/01, introducendovi modifiche.

Tra queste ve ne era una che aveva attirato particolarmente la mia attenzione, e riguardava la procedura di sanatoria ordinaria edilizia che avrebbe contemplato la sola conformità al momento della domanda stessa, quando invece dal 1985 vige il principio fondamentale della doppia conformità, estesa anche all’epoca dell’abuso.

Il Governo lo scorso 1 ottobre ha impugnato alcuni articoli della suddetta norma di recepimento, tra cui quello della doppia conformità.

In base a ciò, anche per questi motivi, la ARS ha deciso di rivedere il provvedimento normativo in questione per allinearlo e conformarlo all’impugnativa costituzionale.

Fintanto che non vi sarà un provvedimento nazionale specifico, il principio della doppio conformità introdotto con la L. 47/85 prevarrà su qualunque norma regionale, comprese quelle a statuto speciale come la Sicilia.



Articoli recenti