Sicilia: recepimento del Testo Unico sull’edilizia con L.R. 16/2016

La Regione Sicilia ha pubblicato il testo normativo con cui recepisce una parte del DPR 380/01

sicilia
Modellini artigianali –  foto di C. Pagliai


Carlo Pagliai  Ingegnere e urbanista
Urban Planning, building and real estate consultant
Blogger, YouTuber and digital communicator

logo twitter     Linkedin    Facebook    


La Sicilia è una regione a statuto speciale con cui può legiferare liberamente la materia urbanistica e ha recepito in parte i contenuti del T.U. dell’edilizia.

Nota aggiunta il 10 Nov 2017: alcuni articoli della L.R. 16/2016 sono stati dichiarati incostituzionali con sentenza C.C. n. 232/2017 (leggi qui).

Il DPR 380/01 sta per subire modifiche sostanziali con Decreto governativo, con quale logica la Regione Sicilia ha recepito una norma in procinto di imminenti modifiche?

Il recepimento è avvenuto con la nuova L.R. Sicilia n. 16/2016 del 10 agosto 2016 e pubblicata sul BURS n. 36 (suppl. ordinario) del 19/08/2016, effettua sostanzialmente un recepimento dinamico di alcuni articoli del DPR 380/01.

In sintesi sono state recepite con molte modifiche specifiche definizioni e procedure già vigenti da oltre 15 anni in tutta Italia, salvo ovviamente le normative integrative delle regioni a statuto speciale e di quelle introdotte con la legislazione concorrente del Titolo V della Costituzione.

Confermato buona parte del recepimento dei titoli e procedure edilizie come SCIA, Permesso di costruire convenzionato e l’Edilizia libera; integrato anche l’elenco delle opere fattibili in edilizia libera.

Chiusura condoni semplificata con Perizia giurata

In maniera assai temeraria la Regione concede una procedura “semplificata” per concludere gli iter delle domande di condono edilizio, in base all’art. 28 della stessa LR 16/2016.

Essa consentirà ai titolari di immobili oggetto di istanza dei condoni edilizi del 1985, 1994 e 2003, di far presentare una perizia giurata da un tecnico abilitato con cui dovrà attestare:

Questo tipo di deposito di perizia giurata sarà sottoposta a verifiche a campione nella misura del 5%; trascorso il termine di 90 giorni dalla data di deposito della perizia, senza che sia stato emesso provvedimento con il quale viene assentito o negato il condono, la perizia acquista efficacia di titolo abitativo.

Praticamente la concessione in sanatoria è sostituita da una perizia giurata con silenzio assenso.

Questa forma non prevede espressamente l’obbligo di deposito dei necessari elaborati grafici; in questi casi è consigliato ai colleghi interessati di usare il buon senso tecnico e di allegare ogni documentazione ed elaborato tecnico necessario a confermare i contenuti della perizia giurata stessa.
Resta comunque fatta salva la disciplina paesaggistica, come espressamente ribadito dall’articolo 25 della stessa L.R.

SCARICA IL TESTO
L.R. 16/2016 Sicilia


Canale YouTube     PER CONSULENZE

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato seguimi sulla pagina  Facebook oppure iscriviti alla newsletter:

Altri articoli

This Post Has 29 Comments
  1. Salve, avrei un quesito da chiedere, in questa legge ( 10/2016 regione sicilia ) l’articolo 26 cita : Cambi di destinazione d’uso
    1. Sono ammessi cambi di destinazione d’uso per
    tutte le costruzioni realizzate antecedentemente al 1976
    compresi gli immobili già destinati a civile abitazione,
    ad attività turistico-ricettiva ovvero commerciale, a
    condizione che ciò non determini alterazioni ai volumi
    già realizzati con titolo abilitativo ed assentiti. A VSan parere, è ammesso qualunque cambio d’uso? (per esempio magazzino rurale a civile abitazione) o consentiti solo ad attività turistico-ricettiva ovvero commerciale?
    grazie

  2. mi auto rispondo parzialmente sull’articolo 9 che risulta in effetti abrogato, ma non ho riscontri sull’articolo 6 di edilizia libera

  3. su Catania sono state istituite la CIL e la CILA,…ma in nessuna si fa riferimento alla manutenzione ordinaria….questo presuppone che gli interventi in art. 6 e 9 della L.R: 37/85 siano ancora validi ed utilizzabili?
    grazie

  4. Salve dott. Pagliai,
    avrei un quesito:
    il cambio di destinazione d’uso di un piccolo manufatto in campagna, senza opere murarie, (da magazzino ad abitazione) alla luce della L.R. 16/16 (SICILIA), con quale procedura edilizia può essere richiesto?

  5. Credo che Giuseppe (non sono io, è un caso di omonimia) voglia sapere se per il PdC in Sicilia ci si possa avvalere del silenzio assenso decorso il termine di 30 giorni.

    A mio avviso, qualora sia già stato rilasciato eventuale N.O. da parte di altre amministrazioni, credo proprio che ci si possa avvalere del silenzio assenso.

    Infatti l’art. 20, comma 8 del DPR 380/2001 integralmente recepito dalla L.R. 16/2016 e modificato dal D.Lgs 222/2016 e specifica che “decorso inutilmente il termine per l’adozione del provvedimento conclusivo, ove il dirigente o il responsabile dell’ufficio non abbia opposto motivato diniego, sulla domanda di PdC si intende formato il silenzio-assenso, fatti salvi i casi in cui sussistano vincoli relativi all’assetto idrogeologico, ambientali, paesaggistici o culturali, per i quali si applicano le disposizioni di cui agli art. 14 e seguenti della L. 241/90”.

    Inoltre l’art. 20 della L.241/90 prevede che “nei procedimenti ad istanza di parte per il
    rilascio di provvedimenti amministrativi il silenzio dell’amministrazione competente
    equivale a provvedimento di accoglimento della domanda, senza necessità di ulteriori istanze o diffide, se la medesima amministrazione non comunica all’interessato, nel termine di cui all’articolo 2, comma 2 (entro il termine di trenta giorni) o comma 3 (termini non superiori a novanta giorni), il provvedimento di diniego. Tali termini decorrono dalla data di ricevimento della domanda del privato”

    In definitiva,qualora sia già stato rilasciato eventuale N.O. da parte di altre amministrazioni, se il Comune entro 30 giorni dalla presentazione della domanda di PdC non comunica un diniego motivato, possono intendersi maturati i termini del silenzio-assenso.
    A questo punto, prima dell’inizio dei lavori, l’interessato deve:
    comunicare al comune di voler procedere a mezzo del silenzio-assenso maturato;
    pagare per intero gli eventuali oneri concessori
    acquisire preliminarmente l’Autorizzazione Sismica (nei casi previsti)
    trasmettere al Comune una comunicazione di inizio lavori

    Spero di essere stato chiaro e SOPRATTUTTO di non essere incorso in errori interpretativi delle norme citate.
    In quest’ultimo caso vi prego di correggermi.

  6. Grazie ancora per la risposta è stato molto chiaro ….
    io porterò in questi giorni il procedimento al genio civile visto che al comune di competenza il parere è stato favorevole spero che nn ci vorrà molto tempo , sono circa tre mesi che aspetto per il parere del comune e ora spero di nn dover aspettare una vita per il genio civile …. cordiali saluti

  7. Grazie per la risposta , quindi anche se viene dichiarato anticostituzionale i procedimenti in corso nn si possono bloccare …. ma i tempi saranno brevi per i procedimenti o avranno dei rallentamenti …. perché è già da un pezzo che il mio procedimento è in corso e sinceramente nn ci voleva che questa legge venisse impugnata ….

  8. Le posso dire che in Toscana i procedimenti avviati con normative poi dichiarate incostituzionali, hanno comunque avuto esito finale positivo.

  9. Salve avrei un quesito … visto che questa legge è stata impugnata dalla corte costituzionale i procedimenti in corso verranno bloccati? Io ho un procedimento in corso è quasi pronto per il genio civile al comune di competenza è passato ora che succede?

  10. Non trovo nulla sul silenzio-assenso. Per il permesso di costruire, vale il termine di 30 giorni…..come in Italia? Grazie.

  11. Ritengo che l’art. 20 della L.R. 4/2003 sia tutt’ora in vigore e a nulla rileva la tipologia della legge. Mentre il recepimento dell’art. 18 della predetta legge è stato recepito con modifiche rispetto all’originario testo della norma citata

  12. Una pratica per autorizzazione al cambio di destinazione d’uso presentata a luglio 2016 per la quale è stato già rilasciato parere favorevole asp ma non ancora esitata dall’ufficio urbanistica….che fine fa?
    Stesso discorso vale per pratiche di c.e. con n.o. della soprintendenza presentate ad aprile 2016 ma non ancora esitate dall’urbanistica.

  13. Salve, avrei un quesito da chiedere, in questa legge ( 10/2016 regione sicilia ) l’articolo 26 cita : Cambi di destinazione d’uso
    1. Sono ammessi cambi di destinazione d’uso per
    tutte le costruzioni realizzate antecedentemente al 1976
    compresi gli immobili già destinati a civile abitazione,
    ad attività turistico-ricettiva ovvero commerciale, a
    condizione che ciò non determini alterazioni ai volumi
    già realizzati con titolo abilitativo ed assentiti.
    Secondo lei per una costruzione con concessione edilizia in sanatoria la data del 1976 si intende l’ultimazione lavori come in domanda di sanatoria e autocertificazione del proprietario o il rilascio da parte del comune del titolo abitativo avvenuto negli anni seguenti al 1976 ?
    grazie

  14. Ritengo che comminando l’abolizione dell’accertamento della doppia conformità, per gli abusi ex art. 36 d.p.r. 380/01, con il trasferimento di volumetria, non solo da z.t.o. omogenee ma per tipologie edilizie assimilabili, ad esempio puoi trasferire volumetria edilizia da z.t.o. “B” a z.t.o. “E” purchè realizzi edilizia residenziale, di fatto si è avviato il percorso per una nuova sanatoria edilizia che potrà di fatto ed in via definitiva compromettere il suolo agricolo. Questo ovviamente comporta oltra ad una disparità di trattamento tra la Sicilia ed il resto dell’Italia, poichè è una sanatoria solo siciliana, anche al tramonto definitivo dell’urbanistica concepita per z.t.o. Comunque è di oggi la notizia che la legge è stata impugnata dal CDM.

  15. Ottimo quesito. Dovrei leggere attentamente la norma che indichi.
    In effetti sul vostro territorio cambia moltissimo, cosa ne pensi di questo recepimento ?

  16. L’art. 20 della della L. Regione Sicilia 04/2003, in merito all’uso di strutture precarie per la chiusura di verande e balconi, non è stato abrogato dalla L.R.S. 16/16 né è stato recepito, a differenza dell’art.18 della medesima legge (recupero abitativo di seminterrati, pertinenze, sottotetti etc.) che è stato recepito con l’art.5. Pertanto, il vero quesito dovrebbe essere un altro, ovvero: può l’articolo 20 della L.R.S. 4/2003 essere ancora in vigore, visto che la detta legge 04/2003 è una finanziaria che si esaurisce a conclusione dell’anno finanziario in cui viene emanata?

  17. quindi l’art 20 della legge r./2004 è stato abrogato 0ppure no?dalle risposte mi sembra di no…..

  18. Salve, l’art. 30 del recepimento recita:
    Art. 30.
    Abrogazione di norme
    1. Dalla data di entrata in vigore della presente legge
    sono abrogate le seguenti disposizioni:
    a) gli articoli 20, 36, 39, 40, 42 e 43 della legge regionale
    27 dicembre 1978, n. 71 e successive modifiche ed
    integrazioni;
    b) gli articoli 4, 5, 6, 7 e 9 della legge regionale 10 agosto
    1985, n. 37 e successive modifiche ed integrazioni

  19. sono anche io un tecnico e vorrei capire se l’art. 20 della l.r.4/2003 è ancora in vigore visto che è stato abrogato tra l’altro l’art.9 della 37/85

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi iscriviti in newsletter?