Sicilia: recepimento del Testo Unico sull’edilizia con L.R. 16/2016

La Regione Sicilia ha pubblicato il testo normativo con cui recepisce una parte del DPR 380/01

sicilia
Modellini artigianali –  foto di C. Pagliai


Carlo Pagliai  Ingegnere e urbanista
Urban Planning, building and real estate consultant
Blogger, YouTuber and digital communicator

logo twitter     Linkedin    Facebook    


La Sicilia è una regione a statuto speciale con cui può legiferare liberamente la materia urbanistica e ha recepito in parte i contenuti del T.U. dell’edilizia.

Nota aggiunta il 10 Nov 2017: alcuni articoli della L.R. 16/2016 sono stati dichiarati incostituzionali con sentenza C.C. n. 232/2017 (leggi qui).

Il DPR 380/01 sta per subire modifiche sostanziali con Decreto governativo, con quale logica la Regione Sicilia ha recepito una norma in procinto di imminenti modifiche?

Il recepimento è avvenuto con la nuova L.R. Sicilia n. 16/2016 del 10 agosto 2016 e pubblicata sul BURS n. 36 (suppl. ordinario) del 19/08/2016, effettua sostanzialmente un recepimento dinamico di alcuni articoli del DPR 380/01.

In sintesi sono state recepite con molte modifiche specifiche definizioni e procedure già vigenti da oltre 15 anni in tutta Italia, salvo ovviamente le normative integrative delle regioni a statuto speciale e di quelle introdotte con la legislazione concorrente del Titolo V della Costituzione.

Confermato buona parte del recepimento dei titoli e procedure edilizie come SCIA, Permesso di costruire convenzionato e l’Edilizia libera; integrato anche l’elenco delle opere fattibili in edilizia libera.

Chiusura condoni semplificata con Perizia giurata

In maniera assai temeraria la Regione concede una procedura “semplificata” per concludere gli iter delle domande di condono edilizio, in base all’art. 28 della stessa LR 16/2016.

Essa consentirà ai titolari di immobili oggetto di istanza dei condoni edilizi del 1985, 1994 e 2003, di far presentare una perizia giurata da un tecnico abilitato con cui dovrà attestare:

Questo tipo di deposito di perizia giurata sarà sottoposta a verifiche a campione nella misura del 5%; trascorso il termine di 90 giorni dalla data di deposito della perizia, senza che sia stato emesso provvedimento con il quale viene assentito o negato il condono, la perizia acquista efficacia di titolo abitativo.

Praticamente la concessione in sanatoria è sostituita da una perizia giurata con silenzio assenso.

Questa forma non prevede espressamente l’obbligo di deposito dei necessari elaborati grafici; in questi casi è consigliato ai colleghi interessati di usare il buon senso tecnico e di allegare ogni documentazione ed elaborato tecnico necessario a confermare i contenuti della perizia giurata stessa.
Resta comunque fatta salva la disciplina paesaggistica, come espressamente ribadito dall’articolo 25 della stessa L.R.

SCARICA IL TESTO
L.R. 16/2016 Sicilia