skip to Main Content

Domanda di condono edilizio dolosamente infedele

L’esecuzione di opere abusive anteriori a una certa data è la condizione necessaria per il rilascio del condono edilizio 

masselli del Valdarno – ph Carlo Pagliai


Carlo Pagliai

di Carlo Pagliai                     segui su:   logo twitter     Linkedin    Facebook


Alcuni si vantano di aver fatto abusi edilizi nottetempo ai primi segnali dell’arrivo di un Condono edilizio

Un presupposto fondamentale della presentazione della domanda di condono è l’avvenuta esecuzione dell’abuso entro certe date, ognuna diversa per i tre provvedimenti di sanatoria edilizia straordinaria (Legge 47/85, L. 724/94 e 326/2003).

Tale presupposto come può essere provato?

In genere nelle procedure e istruttorie amministrative al cittadino interessato a concludere il condono edilizio viene richiesto di sottoscrivere apposita autocertificazione attestante l’epoca di esecuzione dell’abuso nei termini previsti da ogni provvedimento straordinario.

Le tre date di ultimazione delle opere abusive sono:

  • 01 ottobre 1983 (L. 47/85);
  • 31 dicembre 1993 (L. 724/94);
  • 31 marzo 2003 (L. 326/03);

Inquadriamo la problematica con un ampia disamina.

Per leggere questi contenuti

Accedi  o  ISCRIVITI.  è GRATIS 

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi iscriviti in newsletter?


Back To Top

Send this to a friend